Tag: polcenigo

Intervento SAF a Mezzomonte

Intervento SAF a Mezzomonte

Data 08.07.18

Ore 16.30

Località Mezzomonte

Squadra SAF del comando Provinciale Vvf Pordenone è intervenuta su segnalazione di una sig.a residente a coltura di Polcenigo che riferiva di aver visto un parapendio cadere nei boschi sopra l’abitato.

I pompieri giunti sul posto avvistavano quello che poteva sembrare una vela impigliata sugli alberi.

Iniziava così l’avvicinamento, sfruttando un sentiero CAI prossimo al luogo dell’avvistamento.

Nel frattempo sopraggiungeva l’elicottero del 118 che individuava il target e lo identificava come uno striscione “matrimoniale” legato ad alcuni palloncini.

La squadra SAF VVF faceva quindi rientro incontrando personale del CNSAS, con il quale concordava, con un breve debriefing, la chiusura delle operazioni alle ore 1740 circa.

Soccorso ciclista ferito a Coltura di Polcenigo

Soccorso ciclista ferito a Coltura di Polcenigo

22-05-18 ore 23:00. Soccorso persona sulla strada forestale Coltura – Lama di Som nel comune di Polcenigo.

I Vigili del Fuoco del Comando di pordenone sono intervenuti su richiesta della SORES per supportare il personale del 118 che, nonostante avesse raggiunto e prestato le prime cure ad un ciclista ferito in seguito ad una rovinosa caduta, non disponeva di un mezzo adeguato al suo trasporto. L’incidente si verificava a circa 450 m s.l.m. e L’allarme veniva lanciato dal compagno di escursione del ciclista, un purlilieae di 42 anni che avendo perso i sensi necessitava di un trasferimento urgente presso un posto medico avanzato. Per questo i Vigili del Fuoco hanno messo a disposizione il loro mezzo SAF, un furgone fuoristrada dotato di atrezzature per i soccorsi in ambiente speleo-alpino-fluviale, che ha permesso di caricare il ferito su un asse spinale assieme ad un medico ed un infermiere del 118.

Una volta raggiunto l’abitato di Coltura, l’infortunato è stato trasferito su un’ambulanza e portato all’ospedale del capoluogo.

Le operazioni si sono concluse verso mezzanotte.

Sul posto sono successivamente giunti anche alcuni operatori del CNSAS della stazione di Pordenone.